CrediFamiglia

CrediFamiglia, realtà dedicata alla risoluzione dei debiti finanziari di individui e famiglie che hanno un insoluto con Banca IFIS, è alla ricerca di Agenti-Consulenti del Credito di CrediFamiglia da integrare alla rete interna già esistente.
L’aspetto innovativo della Banca coinvolge anche il recruiting attraverso i Web Streaming Open Day, evoluzione digitale degli appuntamenti on the road che hanno tenuto campo dalla fine del 2013.

Come funzionano i Web Streaming Open Day?

In circa quaranta minuti di diretta web, i professionisti di Banca IFIS e dell’Area NPL presentano la banca, il ruolo del Consulente del Credito e il business nel quale la risorsa verrà inserita. Al termine delle presentazioni, viene dato spazio alle domande dei candidati connessi, alle quali viene data risposta in tempo reale.

Al termine della diretta, ai candidati viene sottoposto un questionario il cui superamento darà accesso ai colloqui di lavoro, che vengono effettuati via Skype dal dipartimento HR della Banca. I candidati ritenuti idonei continueranno il processo di selezione e formazione.

Il ruolo del consulente del credito prevede un quotidiano confronto e dialogo con famiglie e individui che hanno debiti con Banca IFIS presso il loro domicilio. L’agente si occupa di trovare delle situazioni sostenibili di pagamento, in maniera dilazionata e graduale per permettere a queste persone di tornare ad essere parte attiva del circolo virtuoso dell’economia.

I requisiti richiesti sono:

-          laurea o diploma di scuola secondaria;

-          ottime capacità relazionali e negoziali;

-          capacità di ricercare soluzioni in caso di mutamento negativo dello scenario economico/sociale dei debitori clienti;

-          attitudine all’innovazione;

-          doti organizzative e forte motivazione nel perseguimento degli obiettivi.

L’azienda offre:

-          compenso commisurato al risultato prodotto;

-          formazione continua;

-          portafoglio clienti assegnato;

-          appartenenza a una community di agenti.

Iscriviti qui al Web Streaming Open Day del 9 aprile.

Formazione

Per gli aspiranti Consulenti del Credito, una volta completata la prima fase di colloqui, è previsto un percorso formativo retribuito che comprende l’uscita sul campo con un consulente senior. A seguire, superata anche questa fase, le risorse ricevono nozioni approfondite e specifiche sul ruolo, sul comportamento e sulla gestione del proprio portafoglio clienti.

Per diventare effettivamente agenti CrediFamiglia è necessario superare l’esame OAM (Organismo Agenti e Mediatori) di Banca d’Italia, i cui costi sono sostenuti da Banca IFIS, e l’apertura di partita IVA.

Bookmark and Share

L’angolo giuridico 6-3-2015

Pubblicato da Francesca il 6 marzo 2015 in L'angolo giuridico

L'angolo giuridicoRisponde l’Avv. Maria Fotia di Sportello Legale Lavoro.

DOMANDA
Salve, ho da poco ottenuto l’invalidità civile del 50%, sono autonoma ed ho un lavoro a tempo determinato che fra poco scadrà e non so se posso essere riassunta. Sono in possesso dei verbali di invalidità dell’INPS compreso quello riguardante la legge DL 68. La domanda è questa: l’azienda presso la quale lavoro, può considerarmi già facente parte di una categoria protetta o no? Mi devo iscrivere in una qualche lista all’ufficio collocamento? Se sì, come faccio a farlo prima della data di scadenza del contratto?
Grazie. Stefania

RISPOSTA
In primo luogo bisogna considerare se l’azienda datrice abbia o meno 15 dipendenti, in quanto nel caso abbia meno di 15 dipendenti non sussiste alcun obbligo –ai sensi della legge 68/1999- di assumere lavoratori appartenenti alle categorie protette.
Inoltre, secondo la medesima legge i lavoratori rientranti nelle categorie protette devono iscriversi nell’apposito elenco tenuto dagli uffici competenti per il collocamento obbligatorio.Si tratta di una graduatoria unica, tuttavia i datori di lavoro possono chiamare nominativamente un lavoratore appartenente alla categoria protetta.
Nel caso prospettato, dunque, bisogna  -previa iscrizione del lavoratore nelle apposite liste- accertarsi che l’azienda integri il requisito numerico richiesto dalla legge e se abbia già assunto lavoratori appartenenti alla categoria protetta. Le quote d’obbligo per il datore di lavoro sono pari a un lavoratore disabile per le aziende con più di 15 dipendenti; a due lavoratori disabili  per le aziende con più di 35 lavoratori dipendenti e al 7% dei lavoratori occupati per le aziende con più di 50 dipendenti.

Se è in possesso del verbale INPS riguardante la legge 68, dovrebbe già essere a posto.
Ad ogni modo, per essere certa, deve verificare presso il Centro per l’impiego se è inserita nelle liste degli avviati obbligatori.
Saluti Maria Fotia

Bookmark and Share

Figurati se mi assumono

Pubblicato da Francesca il 20 febbraio 2015 in Il mondo del lavoro, Lavoro e dintorni

Figurati se mi assumono - Palestra Lavoro

«Ognuno ha la possibilità di distinguersi. Ognuno ha la possibilità di imparare, migliorare e sviluppare le proprie competenze. Ognuno ha la possibilità di essere un marchio degno di nota». Era il 31 agosto del 1997 quando questo paragrafo comparve in un articolo di Tom Peters su “Fast Company”, una rivista di business che oggi ha anche una versione online con una particolare prerogativa: mette a disposizione uno staff di professionisti che rispondono nel giro di 30 secondi a qualunque domanda venga loro rivolta in tema di leadership e di affari. Peters è un guru del management e intitolò quell’articolo “The brand called you”, ossia “Il marchio chiamato te”. Scriveva fra l’altro: «Tu non sei un “dipendente” di General Motors, non sei un “redattore” alla General Mills, tu non sei un “lavoratore” alla General Electric o una “risorsa umana” alla General Dynamics. A partire da oggi tu sei un brand». Leggi il resto di questo articolo »

Bookmark and Share