Un caffè con i colleghi

Un caffè con i colleghi

Un rito che aiuta a raggiungere ottimi risultati.

8 Nov, 2017
449 views

Per noi italiani il caffè è più di un’abitudine, è costume, un vero e proprio mantra culturale. Non c’è da stupirsi quindi, se in Italia la pausa caffè sia una consuetudine assodata in tutti gli uffici, dal Nord al Sud della Penisola.

Un diritto del lavoratore sancito per legge
Persino la Corte di Cassazione, con la sentenza n. 4509/2012 ha legittimato un break di pochi minuti, perché consente il recupero delle energie fisiche e psichiche, migliorando la produttività.
Il lavoratore che lavora per almeno 6 ore ha diritto a una pausa giornaliera di almeno 10 minuti, con deroga alla contrattazione collettiva in merito alla specifica durata a seconda della mansione e della durata del turno di lavoro.
In ufficio, per ogni quattro ore passate davanti al monitor, l’impiegato ha diritto a pause o cambiamenti di mansione di 15 minuti ogni due ore, per salvaguardare la vista.
Altra cosa è l’eccesso di pause e interruzioni durante l’espletamento della propria attività lavorativa, per cui può essere legittimo addirittura il licenziamento.

Come sempre, quindi, il tema non è l’uso ma l’abuso. Quindi la risposta alla domanda “Posso essere licenziato se mi allontano dalla postazione di lavoro 10 volte nell’arco della giornata?”, è sì. A meno di non aver concordato con il datore di lavoro, un piano di pause scadenzato diversamente per esigenze certificate dal medico.

I break ti rendono più produttivo!
La pausa caffè è sinonimo di spazio sociale aperto, di ambiente decompressivo in cui gli impiegati possono condividere esperienze e scambiare battute sia su tematiche lavorative che su fatti personali.
Secondo uno studio condotto da Mit Media Lab, quando gli impiegati prendono un caffè insieme, stringono tra loro una relazione più forte e autentica, dagli effetti positivi per il teamwork e, quindi, per la stessa produttività (personale e aziendale).
L’italianissima abitudine della pausa caffè si è quindi guadagnata un endorsment internazionale, conquistando anche gli uffici di altre nazioni.
Come in tutte le cose, l’importante è non esagerare, per non abusare non solo della flessibilità aziendale, ma anche della caffeina.

In collaborazione con la redazione di MioDottore.it

InfoJobs non controlla preventivamente i commenti che vengono pubblicati in questa sezione. Confidiamo nel rispetto e buonsenso di ciascuno. Vi chiediamo di segnalare a candidati@infojobs.it eventuali commenti inopportuni, che verranno prontamente rimossi.