Come staccare la mente in vacanza

Come staccare la mente in vacanza

I benefici di uno stop.

21 Lug, 2017
224 views

Per mesi pensiamo alle ferie, immaginando il momento di lontananza dal luogo di lavoro e dalla città come un toccasana, uno stacco totale dalla quotidianità, dai suoi ritmi e dalle sue incombenze. Sempre più spesso capita che, però, una volta che ci si è stesi in spiaggia, non si riesca a dimenticare gli obblighi e i compiti da portare a termine una volta rientrati in città.
Molti addirittura, per riuscire a rilassarsi, sentono anche durante i giorni di ferie il bisogno di controllare le mail ricevute sull’account di posta aziendale. Infine, una tendenza preoccupante è quella per cui per circa 1 italiano su 2, andare in vacanza non è una priorità.
Qual è il motivo di questa incapacità di dis-connettersi e come fare per riuscire a staccare del tutto la spina?

Scopriamo insieme cosa ci fa pensare a lavoro e routine durante le ferie. I ritmi elevati e l’abitudine ad essi giocano sicuramente un ruolo importante: chi corre tutto l’anno, istintivamente vuole mantenere tutto sotto controllo anche durante le ferie. Ma non è il solo fattore in gioco: la grande diffusione di tablet e smartphone ha notevolmente alimentato questa tendenza. Controllare la posta elettronica, navigare su Internet o chiedere un’informazione a un collega tramite un'app o una chat dedicata, è maledettamente semplice e immediato. Così come controllare la propria area personale sul sito della banca, aggiornare la propria agenda, rinnovare l’abbonamento della pay tv satellitare, etc.
Ma come fare allora per rilassarsi completamente? Ecco 5 consigli utili per le vacanze.

1. Il primo e più importante consiglio: non portate con voi il telefono aziendale e non memorizzate sul telefono personale l’accesso a qualsiasi genere di account aziendale.
2. Evitate di stare online, immergetevi nella realtà: fate uno sforzo per allontanare l’abitudine quasi compulsiva di essere sempre connessi al web. Vi aiuterà ad allontanare dalla vostra mente anche le incombenze della quotidianità.
3. Dedicatevi a nuove attività: provate ad andare in canoa, fare kitesurfing, escursioni in barca, snorkeling, trekking in montagna, etc. Avete presente quell’hobby o quella passione che non avete mai avuto il tempo di coltivare? Ecco, è arrivato il momento giusto per dedicarvici.
4. Chiudete la sveglia in un cassetto: lasciate che sia il vostro corpo a dettare il ritmo del sonno e della veglia, almeno per un po’. E non abbiate paura di dormire troppo - ve lo siete meritato.
5. Vietato programmare: uno stacco deciso dalla quotidianità è pure uno stacco dall’efficienza che contraddistingue il giorno comune. Lasciate scorrere il tempo in modo più rilassato e liberatevi dal concetto di “impegno”.

La vacanza può rappresentare oltre a un momento di riposo anche un'opportunità di riorganizzazione interna, di scoperta a volte. Un periodo di vacanza infatti è il momento ideale per sentirsi dentro e capire cosa va e cosa va meno ma, soprattutto, per mettere a fuoco un aspetto, un desiderio, un elemento di novità che si vuole introdurre nella propria vita, inziandolo a costruire giorno dopo giorno, con costanza e pazienza.” suggerisce Matteo Canori, Psicologo del Lavoro e delle Organizzazioni.

Lasciate impegni, lavorativi e non, fuori dalla porta e usate le ferie per dedicarvi del tutto a voi stessi e ai vostri cari, riscoprendo il vostro corpo e il ritmo naturale della natura. Sembra troppo semplice? Lo è. E funziona.

A cura di MioDottore e con il contributo di Matteo Canori, Psicologo del Lavoro e delle Organizzazioni e Customer Success Team Leader presso MioDottore.

InfoJobs non controlla preventivamente i commenti che vengono pubblicati in questa sezione. Confidiamo nel rispetto e buonsenso di ciascuno. Vi chiediamo di segnalare a candidati@infojobs.it eventuali commenti inopportuni, che verranno prontamente rimossi.